NEWSLETTER REGISTRAZIONE PRODOTTO CONTATTI

FIS SUPER G @ LAKE LOUISE (CAN), COMMENTATO DA PAOLO DE CHIESA

Il disegno dei tedeschi, veloce e brillante, ha vivacizzato il superG. , rendendolo spettacolare. Come un anno fa, ha vinto il più forte specialista della disciplina, non a caso trionfando nelle ultime tre edizioni di coppa: il norvegese Jansrud! Sciata felpata ma, al contempo, improntata all’attacco, lo scandinavo ha schiacciato sull’acceleratore nel finale, salvandosi dalle schermaglie di Krichmayr, austriaco che scia divinamente, nonché del sorprendente Caviezel, in vantaggio di un centesimo sullo scandinavo in fondo al muro centrale, archiviato senza grinze. Azzeccando il raccordo d’immissione sul piano conclusivo, Jansrud è riuscito a tenerseli entrambi alle spalle, a partire dall’austriaco, regolato per 14 centesimi sul filo di lana, tagliato 7 centesimi prima di Caviezel, al secondo podio in carriera. Male gli azzurri, con Fill fuori sul primo salto pochi secondi dopo la partenza e Innerhofer franato in 30esima piazza dopo aver colpito maldestramente proprio la porta dello stesso dente. Smanioso di recuperare, Inner ha voluto strafare, impattando un altro palo che gli ha spostato la maschera sul viso. A punti, solo Paris, 21° ma senza acuti, causa una tattica di gara non idonea, dettata da linee troppo dirette, traiettorie rischiose che ne hanno inficiato la dinamicità in fase di curva. Sottolineerei, invece, l’ottimo 5° posto di Svindal, sempre alle prese con il tutore alla mano sinistra, autore di una prova senza remore: bravissimo!

View Also
"Become a Nordican and connect with us"
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER